Sporchiamoci le mani

Siamo tornati a sporcarci le mani: "Mamma ho voglia di dipingere, vorrei fare un quadro!". E' il desiderio di una bimba che desiderare esplorare nuove possibilità.

Siamo nel posto giusto: nel laboratorio artistico di due punto zero! Come recito spesso: "non solo pavimenti in resina!" - Libero un banco, fuori tutte le terre colorate, pennelli, vasetti, acqua, primer, spruzzino e via alla creatività ...

A quel punto mi sono chiesta: "Come arriva un artista a creare un capolavoro?" Non c’è un'età precisa in cui si possa fare esperienza artistica: anche i bambini più piccoli possono dire la loro sull’arte.

In ognuno di noi esiste una pulsione che definiamo "artistica" alla quale siamo disposti concedere l'esistenza della bellezza (a volte soggettiva), ma qual'è il nostro grado di consapevolezza? Nel senso di: essere coscienti di "possedere" un impulso al bello, che può essere espresso in qualsiasi direzione?

Ma esiste anche il cuore dell'uomo, le nostre esperienze (forse quelle che ci portano alla consapevolezza) e allora cosa c'è di più bello di potersi sporcare le mani, di mescolare i colori, di toccarli, di sperimentare tecniche e di fare qualcosa che non è solo un "lavoretto", perchè non ti è stato imposto, ma è un desiderio compulsivo che in quel momento hai.

Ed è così, tra le mie mille riflessione e la voglia di sperimentare di mia figlia, che sono nate le tavole/quadro di Matilde, su alcune c'è uno slogan, su altre solo tanti colori a più strati.

Io credo che ogni uomo è nato per essere felice ed è questo che ognuno di noi cerca, anche esprimendo la propria creatività e mi rende orgogliosa che nasca nel nostro laboratorio artistico.